Acquisizione di azienda oggetto di procedura fallimentare o esecutiva.

Sono frequenti i casi di aziende colpite dal fallimento che tuttavia mantengono nel breve termine un apprezzabile valore di mercato per la loro capacità produttiva e reddituale.

In questi casi è importante per i potenziali interessati il fattore tempo essendo notorio che nel volgere di pochi mesi di inattività qualsiasi azienda perde valore di mercato in quanto gli impianti, macchinari, strutture fisse e mobili che subiscono un deterioramento dovuto all’impossibilità per gli organi fallimentari di curarne la manutenzione ordinaria e straordinaria e preservarne il funzionamento e l’efficienza.

Read More

La tutela del fallito prima, durante e dopo il fallimento.

Anche per il debitore raggiunto da un ricorso per dichiarazione di fallimento o già dichiarato fallito valgono le medesime considerazioni svolte per il debitore sottoposto a pignoramento immobiliare.

La legge fallimentare prevede numerosi richiami normativi la cui finalità è quella della tutela degli interessi patrimoniali e personali ( qualora persona fisica) del fallito e della sua famiglia.

Nella fase prefallimentare: una efficace difesa può consentire di evitare il fallimento sia ricorrendo agli strumenti di gestione della crisi d’impresa, occorrendo in questo caso, tuttavia che essi vengano approntati con largo anticipo quando si cominciano a manifestare le sofferenze.

Read More

Tutela del debitore esecutato

E’ diffusa in coloro che subiscono un’ esecuzione immobiliare una sorta di rassegnazione e di impotenza di fronte alla macchina della procedura espropriativa che inesorabile li priverà di tutto il loro patrimonio immobiliare per soddisfare i debiti contratti.

In realtà non è così in quanto la normativa che disciplina il procedimento di esecuzione immobiliare contiene regole processuali e sostanziali che prevedono un ampio margine di tutela e difesa degli interessi patrimoniali del debitore che vanno dall’interesse che il suo patrimonio non venga svilito con vendite a prezzi irrisori, che possa essere raggiunto il miglior risultato possibile dalla liquidazione così da soddisfare i creditori e persino poter recuperare una parte del patrimonio o del denaro ricavato dalle vendite.

Read More

Acquisizione di azienda utilizzando lo strumento del concordato preventivo in continuità.

Una società a responsabilità limitata “A” operante nel settore industriale della produzione di automezzi pesanti attraversando una grave crisi economica e finanziaria si apprestava a proporre a tutti i creditori un concordato preventivo di tipo liquidatorio.

Una società a responsabilità limitata “ B” operante nel settore industriale della fabbricazione e lavorazione di prodotti e semilavorati in metallo, il trattamento ed il rivestimento degli stessi ed i lavori di meccanica generale, che era la maggiore fornitrice dell’azienda in crisi, ha manifestato l’interesse ad una partecipazione così da poter realizzare una filiera.

Read More

Obbligo delle P.A. di indennizzo per sopravvenuto vincolo urbanistico

Il caso: Dopo aver approvato un piano di lottizzazione di una vasta area di svariati ettari in zona a destinazione di insediamenti industriali, che prevedeva la suddivisione in lotti edificabili e la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria a carico dei privati, il Comune qualche anno dopo ha realizzato il depuratore comunale delle acque reflue a circa mt. 100 dal confine dei cinque lotti antistanti la strada comunale interposta. In conseguenza di tale insediamento lo stesso Comune ha negato la edificabilità di tali lotti in  quanto non veniva rispettata la fascia di rispetto che obbligatoriamente deve distanziare il depuratore da qualsiasi insediamenti urbanistico destinato a civile abitazione o ad attività commerciali e produttive in genere. I proprietari di tali lotti avevano perciò subito un consistente danno economico.

Read More

P.A. : Dovere di riclassificazione urbanistica dell’area

Il caso: un privato, proprietario di un vasto appezzamento di terreno, aveva visto respinto il permesso di costruire per la regolarizzazione di una veranda coperta abusiva perché non rientrante nella volumetria edificabile consentita, in quanto una rilevante porzione del terreno era gravata da un vincolo imposto circa 30 anni addietro in funzione di fascia di rispetto della strada interurbana di scorrimento veloce. Senonchè quella superstrada era stata realizzata in un sito totalmente diverso e lontano dal terreno del privato.

Read More

Espropriazione per pubblica utilità, vincoli urbanistici

Occupazione Illegittima Della Pubblica Amministrazione e risarcimento del danno

Il caso: il Comune aveva espropriato una vasta area per la realizzazione di nuovi insediamenti urbani da destinare ad edilizia privata agevolata per la costruzione di unità abitative, insediamenti artigianali e commerciali e la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria. I proprietari delle aree erano rimasti insoddisfatti dalle indennità di esproprio e lamentavano che i concessionari privati dei singoli lotti assegnati dal Comune avevano occupato porzioni di terreno che non rientravano nelle aree espropriate.

Read More
Serve aiuto? Chatta con noi